La pittura alternativa di Giovanni Reale
Luciano Canfora, Direttore editoriale rivista giudiziaria di Roma

Artista particolarmente rappresentativo di un nuovo modo di interpretare la pittura, il suo maggiore pregio, è la maestria di gestire il colore e la luce, realizzando continuamente figure geometriche e fantasiose, come girandole dai mille colori, o personaggi fantasiosi che nascono come magia dalla sua vulcanica fantasia,
La sua pittura spazia dall’olio, all’acquerello e da altre tecniche alternative, Una sua recente personale, è stata realizzata in un famoso albergo di una località dell’Abruzzo in occasione di un convegno di medicina, La mostra era composta da tecniche miste "olio e acrilico".


Come previsto la manifestazione ha riscosso molto interesse tra i visitatori, i quali hanno rilasciato all’artista giudizi molto lusinghieri. Reale è consapevole che la strada intrapresa è molto ardua, ma lui ostinatamente crede in ciò che fa, vuole trovare una sua tecnica, vuole creare qualcosa di suo, ed è per questo, che rifiuta continuamente a se stesso di realizzare opere da cartoline, o copiare quadri di autori più o meno famosi.
L’artista sa benissimo che tutto ciò è difficile, come è difficile talvolta l’interpretazione dei suoi quadri da parte dei visitatori alle sue personali. L’artista crede in se stesso, vuole che tutti i suoi estimatori lo riconoscano attraverso la sua originale tecnica, e dicano di lui: “questo è un quadro di Reale", Vuole finalmente essere padrone assoluto della luce e del colore dei suoi quadri, per ripetere a se stesso "questo è opera mia, della mia creatività senza aver copiato nessuno”.
Noi siamo sicuri, che presto molti parleranno di Giovanni Reale e della sua tecnica di “luce e colore”, Tutto questo perché i suoi quadri si lasciano ammirare ed interpretare da ognuno di noi con giudizi personali, perché ognuno di noi, vede nei suoi quadri qualcosa di diverso, Forse sta nascendo un nuovo artista che ci sta proponendo un nuovo modo di veder “la luce e il colore”.

 

 

Vai all'inizio della pagina